Leonberger by Patty
Schede delle razze canine | Vivere con il cane | News | Vacanze con il cane | Libri | Contatto | Home  
 


News sul mondo animale
torna alla lista delle notizie

2010-01-19 15:30:11 - News
Il gatto "pendolare" inglese, Casper, è stato investito...
Investito da una macchina lo scorso venerdì. Così è morto il gatto Casper, famoso in Inghilterra, ma soprattutto a Plymouth nella contea del Devon, perché ogni giorno, da diversi anni, prendeva lo stesso autobus, faceva un giro turistico e poi rientrava a casa. Gli abitanti di Plymouth in un cartello commemorativo hanno scritto: "Casper ci mancherai. Eri amato da tutti, e rendevi più piacevole il tempo trascorso in autobus".


Ogni giorno si metteva in fila con gli altri passeggeri per salite a bordo dell'autobus numero 3 delle 10.55 e proprio in quel punto è stato appeso il saluto degli abitanti della zona che dice tra l'altro " Purtroppo sei stato investito, e l'autista non ha avuto neanche il buon gusto di fermarsi''.

La storia di Casper è stata riferita dal Guardian. La bizzarra vita del gatto pendolare "aveva attratto l'attenzione della stampa internazionale e regalava sorrisi in tutto il mondo". Ma e' stata proprio la strada, che Casper tanto amava, a portarlo alla morte. Il gatto siberiano di dodici anni, noto anche in Italia grazie ad un recente servizio di un tg nazionale, è stato infatti investito da un'automobile mentre stava attraversando la strada per raggiungere la sua solita fermata.

Il gatto era diventato la mascotte degli autisti, che si preoccupavano che stesse bene e che scendesse alla fermata giusta, anche se in tanti anni il micio non aveva mai sbagliato. La stessa azienda di trasporti "First" aveva chiesto ai suoi dipendenti di prendersi cura del "passeggero non pagante".

La proprietaria del gatto pendolare, Susan Finden, 65 anni, ha raccontato al Guardian: "L'ho chiamato Casper come il fantasmino dei cartoni animati, proprio perché aveva l'abitudine di sparire come un fantasma! Era un gatto magnifico ed affettuosissimo. Saranno in tanti a sentire la sua mancanza".





Fonte: TGCOM







Un progetto di Patrizia Viviani, i mei Leonberger: Niute, Bryan, Mac