Leonberger by Patty
Schede delle razze canine | Vivere con il cane | News | Vacanze con il cane | Libri | Contatto | Home  
 


Info utili per vivere al meglio
con i nostri cani

Indice articoli


Salute
La sterilizzazione
Sono tanti i motivi per cui occorre sterilizzare un cane o un gatto, cercheremo di spiegarvene almeno i più importanti.

Sterilizzarlo per salvaguardare la sua salute
RISCHI PER IL CANE MASCHIO NON STERILIZZATO: Il maschio non castrato sarà soggetto a calori frequenti, il maschio riesce a sentire una femmina in calore a kilometri di distanza, quindi vivrà spessissimo in uno stato di eccitazione/agitazione, questa sua condizione darà inizio ad un meccanismo ormonale, che non sfociando poi nell'accoppiamento provocherà inizialmente delle prostatiti, e con il passare degli anni genererà tumori alla prostata e ai testicoli.
L'insorgere dei tumori si verifica in genere in tarda età e quando sarà a quel punto necessario castrarlo, saremo costretti a rischiare che il cane non regga l'anestesia.

RISCHI PER IL CANE FEMMINA NON STERILIZZATA: Nei gruppi di canidi selvatici si assiste ad un interessante fenomeno: all’epoca dei calori si accoppiano e si riproducono solo le femmine di grado elevato nella linea gerarchica le quali sono anche quelle deputate, nel branco, a procacciare il cibo. Le altre femmine del gruppo si sincronizzano sul calore ed a circa quaranta giorni producono latte che viene assunto dai cuccioli delle femmine dominanti durante l’assenza per le battute di caccia. Si assiste così ad un vero e proprio fenomeno di "adozione dei cuccioli da parte di balie". Anche nelle cagne domestiche si verifica un fenomeno analogo a meno che non vengano sterilizzate con asportazione delle ovaie (ovarioisterectomizzate) e i "sintomi" delle femmine che presentano una pseudogravidanza sono vari e tendenti a simulare i comportamenti della femmina nel post partum ed in allattamento. La cagnolina si comporta a tutti gli effetti come se avesse una cucciolata da accudire, provvederà allora a preparare il nido, tenderà a girare per casa con giocattoli e pupazzetti di peluche che simuleranno i cuccioli, soffrirà di inappetenza o al contrario, di un appetito vorace (polifagia), potrà avere episodi di vomito e diarrea e soprattutto aumento del volume delle mammelle con produzione di latte. Questo fenomeno è legato ad un alta concentrazione nel sangue dell’ormone progesterone questa condizione predispone la cagnolina alla comparsa di tumori della mammella.
L'infezione all'utero, patologia che sopravviene spesso in cagnoline non sterilizzate (PIOMETRA), portano l'animale alla morte, o alla sterilizzazione in tarda età (con tutti i rischi che comporta l'anestesia in un animale anziano), ovviamente anche i tumori all'utero e alle oviaie saranno molto probaibili.

Sterilizzarlo perchè sia un animale più equilibrato
Il cane maschio soffrirà moltissimo ogni volta che sentirà l'odore di una femmina in calore, perderà appettito e darà segni di aggressività nei confronti degli altri maschi (perchè in natura solo il più forte si accoppia). Potrebbe dare segni di aggressività anche con le persone, in quanto vivrà continuamente sotto pressione. La sterilizzazione è consigliata per evitare o prevenire forme di aggressività ed è fortemente consigliate nelle razze un pò più "forti" o in cani con carattere dominante, meglio se fatta nei primi anni di vita.
La femmina sarà molto nervosa durante il calore e cercherà di fuggire.

Un gatto non sterilizzato sarà un gatto stressato (il maschio urinerà su muri e mobili emanando un odore molto più forte e sgradevole dalla sua solita urina), la femmina occasionalmente urinerà su divani o tappeti (entrambi soffrianno molto e saranno quindi molto nervosi, i loro lamenti notturni non permetteranno neppure ai padroni di essere tranquilli).


I testi sono stati gentilmente offerti da:
Canili Milano - Associazione Onlus
Per sostenere l'associazione o se volete adottare un cane ecco i riferimenti:
web: http://www.canilimilano.it
email: info@canilimilano.it

Fonte: Canili Milano - Associazione Onlus







Un progetto di Patrizia Viviani, i mei Leonberger: Niute, Bryan, Mac